martedì 11 agosto 2015

Segni indelebili a palato, memoria e cuore. La cucina di Mauro Uliassi

Amo il cambiamento e amo chi ha il coraggio di portare con sé la tradizione
 senza esserne schiavo.

Uliassi. (Credit da Web)
Agosto di riflessione, di pensieri che fanno a botte tra loro, di frasi che si spezzano con un alito di vento e di sapori che voglio provare, annusare, sentire. Agosto che questa volta sei tutto mio, e del mio inesorabile e instancabile desiderio di cibo. Agosto che ti prendo per la gola e faccio capriole per sopportare il caldo che mi cuci sulla pelle come un cappotto di piume d’oca. Agosto di viaggi che vanno dal letto alla doccia e poi ancora, dalla doccia al divano, ma che qualche volta vanno da casa (Bologna) a Senigallia, rigorosamente in treno, perché posseduta dal desiderio capriccioso di mangiare da Uliassi. Agosto che preparo il computer, infilo un tacco in borsa e scappo in stazione, agosto che faccio un appuntamento di lavoro e poi non vedo l’ora che sia sera per entrare in quel tempio marchigiano che è Uliassi. Agosto che, Dio benedica le mie passione, che sono solo due (arte e cucina), ma che quando si prendono per mano sanno farmi così felice che quasi cammino dritta dopo una bottiglia di Thienot Brut e due antistaminici per combattere la mia allergia alle olive. E allora cuffiette nelle orecchie ed Exilio che suona a tutto volume mentre ondeggio sul sedile di pelle ringrinzita del TreNord. Gocce di sudore lungo la schiena, ventaglio che sventola aria rovente, gente in piedi con valige grandi come armadi ed io, che ho solo me stessa e i miei tacchi a spillo, per fare due cose straordinarie: concepire una mostra e progettare il mio prossimo kg di troppo. Senigallia, il Summer Jamboree che veste le persone di sorrisi alcolici e le donne di gonnelle svolazzine e nastrini per i capelli a pois, ed io che ho uno stupendo ma anonimo vestitino verde petrolio, ma che mi sento, dalla felicità, la migliore delle rockabilly sulla piazza principale.
Suono. Cuore a mille. Già sono ubriaca di gioia.
Mi siedo.
Respiro.
Aria di mare. Odore di salsedine. Sabbia addosso. Vita tra le mani.