mercoledì 26 marzo 2014

Mazza da Baseball o Pianta? Questo è il problema


Al mondo esistono diverse categorie di donna.

La bionda e la mora, (poi c’è la rossa che è un discorso a parte), la magra e la morbida (e la giunonica dove la mettiamo?), la riccia e la liscia (e quella rasata, non la prendiamo in considerazione?). Ci sono le Madre Teresa di Calcutta e quelle che la darebbero anche al cane, le svitate per eccellenza e quelle con la testa fin troppo sulle spalle. Ci sono le “sto per perdere l’aereo” e le “fammi fare un giro in moto”, le “non posso vivere senza la mia bicicletta” e quelle che “ senza un sacco per dare pugni sarebbero morte”. Esistono le “One Shot” e per fortuna esistono “quelle per la vita”. Ma quelle di cui io amo di più parlare sono le due categorie di donne che, a prescindere dai loro caratteri somatici e dal loro trascorso, racchiudono alti e bassi, destri e sinistri e si nascondono dietro ad ognuna di noi: quelle che in un rapporto d’amore preferiscono essere o comodino o lanciafiamme. Ebbene si, le donne si dividono in due grandi categorie di complementi d’arredo: la pianta o la mazza da Baseball.

Cosa c'entrano le mazze e le piante direte voi. Beh, c'entrano eccome. Si, perché nella vita o hai in casa una mazza da baseball o hai una pianta, che proprio la stessa cosa non è.

La donna mazza da baseball è quella donna che invece di litigare, alza i tacchi e se ne va, senza dimenticare di darvi un bello schiaffone. Una donna talmente dura e ferma nelle sue idee che difficilmente riuscirete a spostarla, una che vi fulmina con lo sguardo, vi ammazza con un’alzata di dito e che vi fa diventare le ginocchia di “gelatina perché possiede un cervello pensante”. Questo tipo di donna predilige la crostata di marmellata di fichi, non ama le bevande gassate, a meno che non siano state prodotte in Franciacorta, e non sopporta la cioccolata - tranne in momenti altamente stressanti-  come il giorno prima delle mestruazioni (in quei giorni è altamente sconsigliato starle vicino, a meno che non abbiate voglia di morire).
È quel tipo di donna che fa l’amore con il vostro il cervello, vi rende schiavo del suo carisma, del suo apparente menefreghismo e del suo modo saccente di alzare il mento con fare di disprezzo. È una donna composta, in ordine, stoica per certi versi e cazzuta nell’anima. Una di quelle alle quale non vorreste mai chiedere se deve accendere una sigaretta, perché a una così non si chiede, si fa e basta senza aspettarsi nemmeno un grazie. Ha un fare educato ma in fronte pare abbia scritto:  “non mi guardare troppo, io non sono per te” e non perché sia snob, tutt’altro, lei è una semplice ma sa bene ciò che vuole e non le va di confondersi con le migliaia di altre donne che vorrebbero un uomo al loro fianco solo per dire: “sono fidanzata”. Questa donna è come un tatuaggio sul cuore, si conficca come un ago nella pelle e ne monopolizza il territorio, che non è più solo superficie ma diventa cratere perforato. È una con carattere, di quelle che non stanno mai ferme, ne con la testa ne con il corpo, una che devi rincorrere e quando pensi di averla afferrata è li che ti sbagli, lei è già scappata. Scappa da tutto e da tutti, e non per debolezza, ma perché non vuole casini, non vuole aggrovigliamento di stomaco, sussulti dell’anima, cemento sul cuore. Stare alla larga da certe emozioni la fanno rimanere più lucida, una mazza deve sempre sapere dove e quando battere, non può permettersi di sbagliare. Una mazza da Baseball ha una missione precisa, mandare in meta. Ecco perché queste donne sono così tanto pericolose, perché sanno picchiare forte ma sanno anche rimandare al mittente con la stessa forza con cui battono energiche la palla. Sono donne che amano in una maniera tutta loro, di quell’amore che non ha nulla a che vedere con la routine, nulla con la quotidianità. Loro sono la boccata d’aria in mezzo a una città piena di smog, il vestito colorato a un funerale, la suoneria musicale nel bel mezzo di una messa domenicale. Sono donne che sai di non poterti permettere ma che in fondo vorresti avere al tuo fianco per sempre. Non sono ne troppo belle ne troppo appariscenti ma i loro occhi sono la reale causa di incidenti emozionali così travolgenti da far tremare la terra di un’intera nazione. Quando ti si avvicina una donna così ti si creano tsunami epidermici, ti si cementano i battiti e ti s’ingravida il cuore in un tempo talmente veloce da far sembrare Speedy Gonzales un dilettante della corsa. Sono donne rare, di quella rarità simile al miraggio, un’illusione ottica per pochi eletti, un mazzata sulla testa, vera. Non so perché la maggior parte di loro sia sole, non credo sia una questione di carattere difficile, ma forse, la donna strutturata spaventa, allarma per la sua indipendenza, forse gli uomini hanno bisogno di una scendiletto che sa lavare calzini e cucinare surgelati, forse è molto più facile pensare di stare con una trita meningi che elemosina amore, piuttosto che avere una che ti sbatte una mattonella in faccia. Avere una mazza da Baseball come fidanzata richiede un certo tipo di impegno intellettuale, necessita di amore vero, quello per una donna che sotto la gonna nasconde la vera femminilità a forma triangolare. Sposarsi con lei significa essere felice di avere una montagna di maglioni da lavare e un esercito di libri da studiare. Significa avere paura che non torni a casa per diversi giorni perché il lavoro l’ha inghiottita, significa escogitare ogni giorno stratagemmi per stupirla. In parole povere, significa vivere per lei.

La donna Pianta, beh, che volete che vi dica, il mondo ne è pieno. Vincono loro, sempre.  La descrizione è semplicissima, fin troppo. La pianta sta in un angolo; ascolta, non parla, abbassa lo sguardo, ti perdona sempre, ti fa trovare la cena pronta e le camicie stirate. Generalmente emana un profumo decisamente troppo forte che  nasconde la sua debolezza. Una pianta è quella donna che sopporta l’insopportabile perché ormai ha appeso - radicato la sua vita al chiodo, o al vaso. La pianta è verde, ma non sempreverde, è dotata di un cervello basico, altrimenti non potrebbe stare con un uomo  (medio) e diciamocela tutta spesso usa lacci per i capelli che una ragazza di città non userebbe mai. Ma -e come dice Blue- c’è sempre un ma, sono mogli perfette, accondiscendenti, premurose e devote. Sono quelle che non userebbero mai una mazza da Baseball contro il compagno ma piuttosto la farebbero diventare un Sexy-Toy. Le piante piangono. Piangono lacrime, piangono miseria, piangono amore. Piangono perché si è rotto il lavandino, perché hanno sbagliato candeggio e perché l’orifizio per water si è otturato. Le piante piangono quando vedono una telenovela, quando avvistano un paio di scarpe troppo alte (e che loro non saprebbero mai portare) e quando il telefono squilla incessantemente. Le piante piangono se perdono il potere di casalinghe disperate, se il colletto della camicia non è inamidato e se il cane cammina troppo veloce. Si disperano se il marito non arriva puntuale a cena (si raffredda il brodo) se il bucato non è perfetto e se sul cucuzzolo della loro inutile quotidianità succede qualcosa che le sposta dalla sedia, come per esempio il cane che fa i bisogni nel prato invece che sul tappeto. Le piante sono donne che dedicano la loro vita ad ottenere cose per il solo fatto di essere piagnucolone professioniste iscritte ai campionati mondiali.

Insomma tra una pianta e una mazza la differenza sta nelle lacrime. Si, c’è chi le sparge e chi le fa spargere, tutto qui.












11 commenti:

  1. Lucidissima analisi dell'universo femminile.. io mi sa che sono una mazza da baseball conficcata in un vaso.. :-/ metà e metà, sempre in bilico e in equlibrio precario! che fatica ragazzi... un bacione Simo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francy, tu sei una magnifica mazza conficcata in un vaso con un super accento bolognese. In più sai cucinare benissimo e le raviole poi, sono spettacolari.
      Bacio mia cara

      Elimina
  2. Verooooo! Sono molto ma molto mazza da baseball?
    A.F.

    RispondiElimina
  3. L'ho letto tutto d'un fiato... A-D-O-R-O!"
    Serena P.

    RispondiElimina
  4. Blue, una mazza da baseball che pulsa della forza libera, possente, vitale, selvaggia, centenaria dell'albero da cui è stata estratta, del bosco che l'ha nutrita.
    Pina

    RispondiElimina
  5. Per l'argutezza. Perchè lei (e la conosco ed è uao) è tagliente. E' un tango. Viva.
    E per ricordarsi che il principe azzurro ha la barba ed i tatuaggi ed in harley non porta certo una pianta da comodino. Al massimo un cactus dai fiori preziosi.

    C. C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara C.
      In effetti i nuovi principi azzurri hanno i tatuaggi e la barba e a noi forse piacciono tanto così. La cosa che più importa, comunque sia il principe, che sia un vero principe capace di amare e non di raccontare cazzate

      Elimina
  6. A volte si passa da mazza da baseball a pianta e viceversa. La perfezione, come nella maggior parte delle cose sta nel mezzo ma chissà perchè nel mezzo non ci fermiamo mai!

    M.G

    RispondiElimina
  7. Blue, leggo spesso quello che scrivi e su alcune cose mi rivedo in te anche se ti trovo monotematica con continue allusioni al sesso sia che si parli di libri piuttosto che di abiti facendo spesso perdere ai tuoi scritti qualità e valore.
    Questa Blue, ovviamente, non è una critica ma il semplice parere di una comune lettrice.
    F.

    RispondiElimina
  8. Cara Fra,
    grazie per essere passata di qua e per aver lasciato un commento.
    Sono molto felice che una lettrice mi esprima la sua opinione, le critiche servono per crescere e per me è importantissimo sapere ciò che pensa ogni mio lettore.

    In effetti l'erotismo, o il sesso stanno alla base di tanti miei testi, nella vita vera (quella non del blog) scrivo di arte sesso e cucina e inevitabilmente questo influenza anche il mio blog.

    Spero di ritrovarti presto qui.
    un caro saluto
    Blue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. continuerò a leggerti con piacere..Fra

      Elimina