giovedì 28 giugno 2012

Sotto un cielo stellato.



L’estate porta novità. Risveglia gli animi, consolida le amicizie e fa scoprire cose carine che prima credevi non esistessero. L’estate scopre i corpi, scalda la pelle, la abbronza e fa trasudare le innumerevoli bevande alcoliche che ingurgiti velocissimamente e continuamente. L’estate è la culla delle emozioni, il dondolo delle sensazioni e l’alcova dell’amore. L’estate è la compagna ideale di gite fuori porta, picnic all’aperto e scampagnate con gli amici. Non sono sicura di amarla fino in fondo e non credo la sceglierei come partner per la vita, penso sia troppo calorosa per i miei gusti e lasci trasparire smisuratamente il suo essere spudorata. Ad ogni modo per un’avventura One-Shot è perfetta. Lo è per una notte sotto le stelle sdraiata sull’erba fresca, per una passeggiata a San Luca con il respiro in affanno e per una copulazione fugace ai giardini pubblici.
L’estate non porta consiglio, porta desiderio.


Nelle calde notti di calura la fantasia sale verso l’alto, il cervello è in folle e le palpitazioni accelerano a dismisura. L’estate è iniziata e allora, fiato alle trombe e alle minigonne, infiliamo tacchi vertiginosi e incamminiamoci come amazzoni nei boschi della perdizione, verso lo smarrimento dei sensi che bagnano la pelle.

Le amiche sono necessarie in questa rapida scalata verso l’oblio, sono quelle che ti tengono a freno quando hai il piede sull’acceleratore, mentre percorri a 300km orari la strada verso l’ignoto sono loro che ti fanno fermare e riflettere
(non troppo, spero), solo le amiche ti parlano senza condizionamenti e ti portano in luoghi nuovi, con gente diversa e ti fanno scoprire situazioni inaspettate. Allora ecco che oggi sulla mia agenda, c’è una nuova nota. 
Un appuntamento con una nuova amica, Aurora.
Mini sotto al sedere, pedale schiacciato, autostrada eccoci.

Non sapevo cosa aspettarmi da una donna piena di energia come lei. Dal cappello ha tirato fuori l'imprevisto. Una collina imperante con mille curve e un paesaggio verde smeraldo da paese delle meraviglie. Il rumore degli uccellini, l’odore della lavanda, il viale alberato ha anticipato il Podere Pradarolo. Mi sono lasciata un rosso tramonto alle spalle, ho respirato intensamente e con il passo leggero ho calpestato i sassi che mi pungevano i piedi. La voce muta, la bocca aperta a mangiare zanzare (mi sembravano saporite anche loro), gli occhi a guardare l’infinito. Il coup de théâtre di una notte d’estate, la prima, insieme ad Aurora e suo fratello Massimo. L’inizio di un’amicizia, la nostra che spero cresca a dismisura. L’inizio di un sogno nel quale mi sono ritrovata, l’inizio di una vita che sognavo di vivere.

L’azienda agricola Pradarolo di Serravalle è un angolo di paradiso situato nel comune di Varano de’ Melegari, il primo comune della Valle del Ceno, PR. Acquistata nel 1972 l’azienda agricola viene convertita da Claudia e Alberto Carretti nel 1989 alla produzione di vini recuperando una vocazione ormai persa e ampliamente documentata nel passato. Alberto Carretti compie scelte precise: produzione di uve biologiche con l’uso di soli rame e zolfo, vinicazioni antiche con il recupero delle lunghe e lunghissime macerazioni sia per i bianchi che per i rossi, lieviti autoctoni per ottenere vini salubri, longevi, naturali, dal sapore antico, originale, legato al territorio.
L’estate “est un événement imprévu”, un brivido caldo pieno di emozioni, soprattutto se chiaccheri per ore di cucina con un’esperta, la piu grande, la miglior chef donna italiana per Identità Golose, soprattutto se il tuo palato assapora vini incredibili come il Vey 2007, podere Pradarolo che sprigiona le sue note date dalla macerazione sulla buccia rimandando  alle note di fumo, un vino da merenda per Massimo Mazzucchelli, che accompagnato al culatelli carretti fa sembrare tutto più magico.

Alzo lo sguardo, mille stelle. Chissà se lassù loro mi vedono. Cammino verso il viale. Rientro a casa felice.

La felicità è tra le mie mani, qui, ora, sempre.


Podere Pradarolo

Via Serravalle 80
43040 VARANO DE’ MELEGARI (PR)
tel e fax +39 0525 55 20 27


2 commenti:

  1. tesorooo e allora fiato alle trombe e ke l'estate abbia inizio! uff ke caldo però io con questo pancione sono proprio cotta! bacino tesoro

    RispondiElimina
  2. Fa venire voglia di andarci ... <3

    Un sorriso. Tua sempre. A.

    RispondiElimina