giovedì 31 maggio 2012

Silenzio. Parlano le macerie


La Pianura padana è polverizzata.
La zona della bassa mantovana, del modenese e alcuni paesi del ferrarese sono stati letteralmente rasi al suolo. Sono crollati edifici, si sono sventrati fienili e aperti squarci nel terreno. Sono cadute chiese, comuni, residenze storiche, torrette, cupole, rocche. Sono state evacuate migliaia di persone per il pericolo dei numerosi crolli che continuano a far tanta paura.
La mia terra è in ginocchio, io sono in ginocchio, il mio Io è in ginocchio di fronte alla catastrofe che sta causando la forza della natura.
Sono giorni che non riesco a reagire, sono in uno stato catatonico, assoluto terrore misto a rabbia, ansia, angoscia da scossa sismica, mi fa paura tutto ma soprattutto soffro al sapere che la mia gente, i miei amici, i miei famigliari, i miei compagni di scuola e le persone con le quali sono cresciuta piangono le case che ora sono macerie. Non riesco nemmeno a scrivere ciò che provo perché il dolore non si può descrivere, si può solo sentire. Il dolore ti perfora l’anima, il tuo corpo si imbruttisce e si rannicchia e pare che il cuore scoppi per il male. Il dolore non ha spiegazione, non ha parole, non conosce la scrittura (non la mia, che ormai non domino più) Il dolore lacera dentro, fa un solco, spacca a metà, urla di sofferenza, si fa spazio e invade il cervello che inevitabilmente viene rapito.

Non scriverò di questo terremoto perché tutto è già scritto. Dirò solo che io ho visto le case cadute, le crepe, i detriti. Ho parlato con la gente piena di speranza. Dirò solo, che dopo essere stata nei luoghi della mia infanzia e aver visto ciò che è inimmaginabile, la gente ha le palle. Gli emiliani, i mantovani, i ferraresi e tutte le persone coinvolte in questa tremendo terremoto sono davvero uomini e donne con tanto coraggio.

Ci vogliono le palle per essere come noi.
Ci vogliono le palle per risollevarsi
Ci vogliono le palle per andare avanti quando si ha perso tutto

Sono sicura che costruiremo un paese migliore.  

Sono sicura che l’Emilia e la Lombardia ritorneranno a splendere più di prima.





7 commenti:

  1. Tesoro, so che la tua, la nostra terra ce la farà e si rialzerà con la dignità che ha sempre avuto.
    Ti abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ce la farà- ne sono sicura. C'è tanta forza

      ti adoro Pirottina mia.

      Elimina
  2. Ti mando un abbraccio forte forte.
    Ho tanta fiducia in voi e nella vostra tenacia, nel vostro non arrendervi mai e prendere tutto con un sorriso rivolto già al futuro, quando altri rimarrebbero paralizzati per ciò che è stato e continua ad essere. Ed è per questo che, pur non avendo nemmeno una goccia di sangue emiliano, vi amo tanto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Via noi, viva voi, viva l'Italia che in questo momento è molto vicina ai terremotati.

      bacio

      Elimina
  3. Riprendo le parole ascoltate da una dei tanti emiliani intervistati in tv in questi giorni, diceva che la gente non può capire finchè non le vive certe situazioni. Non capiva nemmeno lui quando vedeva le immagini dell'Aquila, ora si. Non posso veramente capire nemmeno io che pure l'altro giorno ero immobile sotto lo stipite della porta mentre la terra sotto i piedi tremava e le porte oscillavano e il mio pensiero era quello di essere sola. Eppure ero lontana e il pensiero successivo è stato invece agli emiliani perchè se la paura toccava me a distanza di chilometri chissà loro.
    Dunque mi auguro solo che tra qualche settimana quando i telegiornali saranno aperti da qualche altra disgrazia la gente non venga abbandonata e gli sia dato quello che chiede: un aiuto per ricominciare a fare quello che facevano prima con dignità e senza elemosina. Un sostegno vero a chi ha sostenuto l'Italia e la sua economia fino all'altro giorno. Ho fiducia anche io, ce l'ho negli emiliani. In bocca al lupo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimetteremo in piedi un'Italia migliore. Io ne sono sicura.

      Bacione

      Elimina
  4. è un disastro, purtroppo non annunciato...penso che sono stata pochi giorni prima del terremoto a Parma, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina