domenica 15 gennaio 2012

Specchio, specchio delle mie brame chi se la rasa nel mio reame?


Siamo figlie degli anni 70’ a ridosso con gli 80’, abbiamo vissuto i magici anni 90’ rivoluzionando la moda, l’arte, la tecnologia e non solo. La nostra prima televisione era Carosello bianco e nero, poi magicamente nel 77’ un po’di rivoluzioni studentesche di Bologna e un po’ di Guerre Stellari ed ecco che la tv è diventata a colori anche se solo per i ricchi. Da bambini giocavamo a nascondino e aspettavamo il gelataio che ogni giovedì veniva a casa a portarci il gelato per 200lire, guardavamo Bim Bum Bam e Bonolis era un ragazzino balbuziente che ci faceva tanta tenerezza. Da bambini i nostri giocattoli erano la terra, la sabbia, i tappi trovati in giro e la natura.
A scuola ci davano il latte fresco o lo yogurt e non ti potevi opporre a quella tortura altrimenti te ne tornavi a casa con una nota e guai a controbattere la maestra perché saresti incappato in una punizione settimanale da parte dei tuoi genitori, una penitenza che sicuramente riguardava la “mancetta/paghetta” (già misera, la mia era 250lire al giorno) o la merenda pomeridiana ( la mia sarebbe passata da mezza banana o mezza rosetta con la mortadella a zero assoluto). Il nostro primo computer era il Commodor 64 e l’unica bambola consentita era (se ti comportavi bene) la Barbie. Quando siamo cresciuti e abbiamo iniziato a tingerci i capelli di grigio cenere o rosso fuoco erano già arrivati gli anni 90’. Il Dams e l’Accademia di Belle Arti erano università divertenti in cui incontravi gente interessante e alternativa. I locali e le feste si sprecavano e di studiare non ti rimaneva molta voglia dopo essere stata fino alle 5 del mattino a ballare senza tregua, ma lo facevi ugualmente e ora, grazie a Dio, sei laureata e puoi ringraziare la tua forza e la tenacia e magari il dio caffè che ti permetteva di passare notti intere sui libri.

Ora sei una donna, siamo nel nuovo millennio e la verità è che ti senti ancora una bambina. Sono passati più di trentenni ma la voglia di giocare, conoscere, ballare, studiare e fare pazzie notturne non si è assopita, non sei una pantofolaia e non la diventerai mai.






Nell’età dell’innocenza attraversavamo gli anni ottanta.
Nell’età del “tutto è concesso” eravamo negli anni novanta
Nell’età del “Oddio sono già passati vent’anni” siamo oltre al 2000.

Rifletto e chiacchero con amici. Mi volto indietro con sguardo al futuro e mi chiedo cosa sia cambiato da allora. Il mio pensiero va immediatamente al mio pube. Il mio pelo ha subito mutamenti piuttosto netti nel corso degli anni.  È passato dalla moda anni 70’ con foresta nera all’innovazione da Tecnodisco degli anni 80’ per poi avere lo slancio con cresta e colore dei 90’. Nel 2000, la tingevo di biondo/grigio per sembrare fashion, poi l’ultimo dei Mohicani ha passato in rassegna il praticello. C’è stato il periodo del triangolino angolato e quello della strisciolina appuntita, quello della potatura invernale e quella della rasatura primaverile. Ha incontrato forbici, rasoi, macchinette accorcia–peli e altro ancora per poi ritrovarmi, oggi, ad essere perfettamente curata come lo è una chioma dopo essere stata dal parrucchiere. Il pelo, simbolo erotico, passione intramontabile è o no il vero grande amore di ogni uomo.? È o no il termometro del nostro cambiamento. Donne non dite bugie, non è vero che se volete rinnovarvi tagliate i capelli. L’aria nuova si sente la sotto…
Donne del mondo riunitevi e raccontatemi com’è il vostra taglio la sotto.

La Barbie_ Non credo sia molto difficile immaginarsela. Una bambola come la Barbie non può certo permettersi di avere peli in giro per il corpo. Questo giocattolo universale è completamente glabro. Sogno di ogni uomo, la vagina nuda e cruda è un miraggio nel deserto, un oracolo del sud, un desiderio ad occhi aperti. Sinceramente ho fatto questo esperimento solo una volta ma osservandomi allo specchio mi sembravo un gatto egiziano, mi sono un po’ spaventata dal risultato quindi non ho ripetuto l’esperimento. Quando penso a questo pube mi vengono in mente gli albini di Città del Capo e non dormo più. Agli uomini piace moltissimo, rimangono tutti un po’ increduli alla vista di un cosi liscio piatto prelibato.










L'origine del Mondo_Nessuno vi ha mai comunicato che il periodo degli Hippy è terminato. Come si possono tenere i peli pubici lunghi quattro centimetri, a fare i ricciolini tra loro, mentre uno salta la corda e l’altro gioca a nascondino?. Non è più moda. Tenere la selva incolta nuoce gravemente alla vostra sessualità. Ma come potete pensare che un uomo riesco ad avvicinare il suo naso in quel groviglio di peli intrecciati. Voi lo fareste se foste al suo posto.? Essere temerari si, ma poi che si fa se ci si perde nel dedalo e non si ritrova più la strada di casa? Non sempre l’uomo che si frequenta ha l’astuzia di lasciare il filo d’Arianna per ritrovare la strada.




Pelo Style_ Alla moda è bello ma poi non esageriamo. Le tinte senza ammoniaca non rovinano il “cuoio pelifero” ma non è che possiamo cambiare colore ogni volta che c’è la luna piena. Cosi destabilizziamo chi ci sta vicino. Ieri rossa, oggi viola e domani chissà quale nuance sceglieremo. Una pussy decisamente inusuale si presenta al cospetto di un uomo incredulo che potrebbe rimanere scorcertato dalla diversità del colore del vostri capelli con quella dei peli del pube. Beh! Io amo la stravaganza ma credo fermamente che, a parte alcune volte in cui ci si diverte, si debba avere congruenza con il colore dei nostri capelli. La gnokka veramente Style è dello stesso colore delle nostre sopracciglia.

 L’ultimo dei Mohicani_ Ve lo ricordate come portavano i capelli i Mohicani? Avevano una sensuale cresta alta e i lati rasati della nuca rasata che mettevano in mostra le orecchie rievocando un gran senso di forza, potenza e sessualità.  Probabilmente le donne che adottano questa rasatura vogliono avere lo stesso effetto. Tendenzialmente questo taglio sta meglio alle “moraccione” perchè la crestina è più visibile e determinata, nelle bionde sembrerebbe una topina spellacchiata male non parliamo poi delle rosse che invece di sembrare Mohicane avrebbero le sembianze di cerbiattine impaurite.

Giulietta lanciami il DREAD_  Ma si può sapere dove avete preso l’idea di tenere il pelo lunghissimo e incolto per farci i dread. Non vi sembra un po’ eccessivo mettere il vostro temperamento alternativo in una parte cosi intima. Se un uomo si avvicina alle vostre intimità potrebbe aver paura di essere morso da un Rottweiler incazzato. I punk a bestia esistono solo a Bologna e quindi le vagine dread-style hanno un territorio circoscritto che non oltrepassa le mura e allora perché anche in altre città so per certo che ci sono cultrici di questo pube raccapricciante. Uomini scappate, Giulietta non vi lancerà più la treccia per farvi salire da lei ma vi scaglierà contro un Dread che dovrete evitare per non imbattervi in brutte sorprese. Se non ti lavi i capelli chi se ne frega, se non ti lavi la sotto mia nonna mi dice sempre “ OOOOOOOO guarda che la sotto suona un’orchestra!!!”.  Bleahhhhh





Classic_ Tra tante stravaganze esiste anche il pube classico. Con questo intendo quel pelo ordinato, ben potato, senza doppie punte, con la stessa nuance dei capelli che viene tenuto in ordine per qualsiasi situazione. È quello che ci si aspetta di vedere sulla donna che ami o sull’amica del cuore, ma alla fine ti rendi conto che è quello che stanca prima, si perché si sa gli uomini non hanno mai pace. Sposano la mora ma poi si scopano la bionda, vogliono una santa ma poi pagano una puttana che gli faccia pompini furtivamente, vogliono la casa in città ma poi per fuggire dalle responsabilità vanno il Week-end in campagna. Gli uomini sono cosi, mai contenti e sempre alla ricerca del nuovo. Io li amo ma non li capisco proprio.


10 commenti:

  1. fantastico post!! divertente, esilarante, interessante e..vero!!! Grande Blue, ma già lo sapevo..e dopo la telefonata in cui mi chiedevi "ma la tua com'è?" non vedevo l'ora di leggerlo (anche con un po' di timore...eheheh)!!
    Ti seguo sempre..sono la tua ombra :)

    RispondiElimina
  2. ehehe.. con la storia dei Mohicani hai ampiamente racchiuso le tre categorie :)

    RispondiElimina
  3. Sei semplicemente una GRANDE!! Ma da quant'è che non ti leggo??? sei fantastica Blue!! e per far parte un pò del tuo post: io faccio parte della categoria delle Barbie. In altri modi non mi ci vedo, o meglio, ho provato a far parte della categoria dei mohicani (l'unica forse che riesco un minimo ad accettare), ma è più forte di me, non mi sento a mio agio quindi viaaaa.. Barbie forever!
    Un abbraccione Blueee!!! sei senza ombra di dubbio meravigliosa!

    RispondiElimina
  4. Mia cara Blue, sei fantastica come sempre, questo post è illuminante :-)
    Un abbraccio e a presto, anzi, a prestissimo!!
    Carmen

    RispondiElimina
  5. Arguto ed ironico post sul "pubic hair style". Con ironia ricordo un mohicano castano scuro inaspettatamente brizzolato.

    RispondiElimina
  6. Esiste una via di mezzo tra Barbie e i mohicani? La mia pussy è su quella strada! come dire...nè troppo nè troppo poco! Tu sei tremenda comunque, strappi sorrisi con questi post "innovativi". Ti abbraccio tesoro

    RispondiElimina
  7. sono una barbie però vestita con il gusto di una bambina di 8 anni, baci ady

    RispondiElimina
  8. Commento un po' in ritardo, ma ahimè, ho trovato solo ora questo post.

    Al di la del fatto che l'intento del post è ironico, qui si ritrova un concetto presente in ogni post:
    Tutti gli uomini sono delle merde.

    Mi chiedo che differenza ci sia tra una persona che dice così e un altra che dice "le donne sono tutte stronze", alla fine sono discorsi sterili e non argomentati.
    Anzi, da quelle poche argomentazioni che vedo qui posso solo dare una risposta: "non sono -tutti gli uomini- stronzi, solo quelli con cui le interessa avere una relazione".

    Come mai?

    "Sogno di ogni uomo, la vagina nuda e cruda è un miraggio nel deserto, un oracolo del sud, un desiderio ad occhi aperti."
    Se un uomo sogna solo una vagina nuda, forse ha dei problemi a relazionarsi con le persone; quello che gli interessa sono degli oggetti, non degli esseri mani.
    - è davvero degna d'attenzione una persona del genere? -

    "Ma come potete pensare che un uomo riesco ad avvicinare il suo naso in quel groviglio di peli intrecciati."
    Perché, magari, prima d'avvicinarsi con il naso e tutto il resto ha visto qualcos'altro d'interessante? Io non ho ancora mai visto donne che indossano pantaloni e mutande trasparenti, quindi magari a certi uomini non importa più di tanto... e a quelli che importa:
    - sono degne d'attenzione persone che ragionano a questa maniera? -

    "Non vi sembra un po’ eccessivo mettere il vostro temperamento alternativo in una parte cosi intima. Se un uomo si avvicina alle vostre intimità potrebbe aver paura di essere morso da un Rottweiler incazzato."
    Un discorso che era nell'aria sin dall'inizio: e sticazzi?
    E' giusto che una persona possa esprimersi come gli pare e piace, senza troppa paura dei giudizi di chi gli sta attorno. Vuoi farti i dread sul pube? Fatteli, se senti che è giusto per te! E nel caso qualcuno abbia da ridire su questa cosa: se per te è importante "essere così", magari quella persona non è così importante. Le persone importanti sono quelle che ci accettano per come siamo e che ci lasciano liberi di essere come ci pare e piace.
    - Una persona che ci vuole -diverse-, forse è meglio che si cerchi una persona diversa, no? -

    +continua+

    RispondiElimina
  9. +continua+

    "Non vi sembra un po’ eccessivo mettere il vostro temperamento alternativo in una parte cosi intima. Se un uomo si avvicina alle vostre intimità potrebbe aver paura di essere morso da un Rottweiler incazzato."
    Un discorso che era nell'aria sin dall'inizio: e sticazzi?
    E' giusto che una persona possa esprimersi come gli pare e piace, senza troppa paura dei giudizi di chi gli sta attorno. Vuoi farti i dread sul pube? Fatteli, se senti che è giusto per te! E nel caso qualcuno abbia da ridire su questa cosa: se per te è importante "essere così", magari quella persona non è così importante. Le persone importanti sono quelle che ci accettano per come siamo e che ci lasciano liberi di essere come ci pare e piace.
    - Una persona che ci vuole -diverse-, forse è meglio che si cerchi una persona diversa, no? -

    "È quello che ci si aspetta di vedere sulla donna che ami o sull'amica del cuore, ma alla fine ti rendi conto che è quello che stanca prima, si perché si sa gli uomini non hanno mai pace."
    Volevo accennare una mia teoria sui rapporti a lungo termine, ma non è il caso: qui si parla solo di uomini che vogliono scopare e basta. Pensi veramente che il genere maschile abbia quel chiodo fisso in mente e basta? Pensi veramente che gli uomini DI TUTTO IL MONDO non possano pensare altro che a quello? Credi veramente che puoi trarre una teoria di questo tipo basandoti solamente sulla tua esclusiva esperienza su di un piccolissimo target di uomini?
    Fidati che è molto più semplice dire che tu hai incontrato solo uomini di quel tipo. Anzi, che tu ti interessi solamente di quel tipo di uomini e non ne conosci altri. Che quel tipo di uomini risponde ad un tuo bisogno, ad un pezzo che ti manca... o almeno credi che loro possano completarti. Ti piace tutto l'insieme delle loro caratteristiche e dai per scontato che ce ne siano anche di altre, che molto probabilmente non ci sono. Fino ad ora hai incontrato sempre la stessa persona e quindi ti arroghi il diritto di dire che tutto il mondo è uguale. Prima di essere uomini e donne, siamo persone. Le persone non sono tutte uguali e non lo sono nemmeno gli uomini e le donne. Siamo tutti diversi, tutti unici. E ogni volta che vedo qualcuno che prova a dare delle massime, creando categorie e sottocategorie di persone, uniformando le loro caratteristiche: un po' mi vien da ridere e un po' mi vien da piangere.
    - Magari, in tutte le tue relazioni, l'unico elemento che rimaneva sempre uguale nell'equazione, non erano gli uomini, ma te. Te eri l'elemento sempre uguale. -

    Consiglio vivamente la lettura di alcuni testi di Psicologia Sociale con particolare attenzione ai capitoli sugli stereotipi di genere. Ma sopratutto consiglio di conoscere persone diverse da quelle che hai incontrato fin ora e non saltare a conclusioni affrettate. Dare il giusto spazio ad ogni cosa: vuoi solo una notte di follia? Fai pure, ma non sperare di ottenere anche una relazione. Vuoi una relazione? Interessati di più della sintonia che hai con le persone e meno di come sono a letto.

    Posso sembrar brusco, ma quello che vedo qui è una persona sfiduciata dell'umanità, che è convinta che, visto che non può ottenere la felicità che vuole, la prova ad ottenere tramite altro, dei "contentini". Tu vuoi mangiarti una bella bistecca, ma invece che cucinartela preferisci mangiarti due pacchetti di patatine. Sfamano, ma te volevi una bistecca e tra poco avrai ancora fame. Apriti di più al mondo e inizia a cercare quello che veramente vuoi, non sperare che arrivi come "inconveniente".

    Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo,
      grazie per essere passato da qui e aver lasciato un tuo commento.
      Grazie per l'analisi approfondita e per aver espresso il tuo punto di vista.
      Ti faccio una premessa, Aspassoconblue non è un Blog sulla mia vita personale e tanto meno sulla mia vita sentimentale o sessuale. AspassoconBlue è un insieme di racconti di uomini e donne che io riporto in modo ironico. Non parlo mai della mia esperienza personale, o almeno non cerco di vedere solo il mio punto di vista. Spesso ciò che si trova scritto qui è frutto di lunghissime chiacchierate con le persone.

      Se dovessi raccontare la mia esperienza personale sarei abbastanza banale e ripetitiva in quanto non mi sono mai rasata, non ho mai avuto i ciuffi lunghi, mai i dred o altre cose del genere, e a dirtela tutta ho avuto pochissimi fidanzati (si contano sulle dita di una mano)

      un caro saluto
      Blue

      Elimina