domenica 9 ottobre 2011

Chi dice donna non dice cucina.

Fino a qualche anno fa eravamo abituati ad associare la donna solo alla cucina. Chi potrebbe dimenticare l’immagine della propria nonna regina della casa con il grembiulone a righe bianche e blu mentre si divincola, tra mestoli e terrine, per preparare vivande da servire a tutta la famiglia. Le nonne e le mamme, non tutte, sia ben chiaro, –la mia mamy non riusciva nemmeno a fare gli spaghetti al pomodoro, ma all’attivo aveva altre fantastiche doti, come riuscire ad andare sui pattini incinta di nove mesi– riuscivano a mettere in piedi un cenone pre-natalizio con quattro cosine raccattate qua e la tra frigo e frizer. Mi sono sempre chiesta come potesse, mia nonna, preparare i tortelloni di zucca stando tranquillamente seduta a charlare due ore con le amiche, mentre sul fornello aveva il brodo di gallina con bollito al seguito, e come fosse in grado di fare la crostata di marmellata di fichi mentre sul fuoco girava la polenta. Talento da vendere, si perché in cucina lei ci sapeva stare, ma sapeva anche tenere la casa, cucire, lavare, stirare, accudire quattro figli, otto nipoti, amare suo marito e farci l’amore due volte al giorno. Donna d’altri tempi.? Si, forse! Ma in realtà ora che sono diventata grande, mi accorgo che tante donne sono come lei.

Si sono spostati i tempi, le esigenze, le abitudini, ma noi non siamo cambiate molto, sappiamo sempre fare tante cose in una volta e la nostra vita è solo passata da un tinello ad un ufficio, da uno scolapiatti ad una lavastoviglie, da una scopa ad un’aspirapolvere , da un appartamento ad una villa, da mille figli a uno solo, da una famiglia allargata ad una piccola-piccola a volte composta solo da noi stesse, un Mac e un chihuahua grasso.

Siamo paladine dell’era moderna, quelle che non chiedono mai, quelle che ritrovi bellicose sedute ai caffè pomeridiani, che guadagnano tanto e non hanno mai tempo per la vita privata, quelle che anche oggi come ieri sanno amare ma hanno bisogno di programmare anche quello perché l’agenda è troppo affollata di appuntamenti. Donne con una marcia in più e un compagno in meno, con le calze autoreggenti ammuffite nella cassettiera, con un sacco di cultura da farci anche la raccolta differenziata altrimenti invadono in mondo. Donne che nonostante sappiano guidarsi da sole sono ancora preda di ritornelli divertenti tipo “Donna al volante pericolo costante”.

Infilo i sandali, mi metto il trench e un attimo prima di uscire apro il computer per scrivere l’ultima cosa che mi passa per la testa e che non posso proprio rimandare. Ragionando qua e la sui detti popolari rifletto su di noi, sull’universo femminile e su ciò che ci ruota intorno.
Eccomi qui. Uscire …No!! Aspetto un attimo, scribacchiare è più urgente.

Donna al volante pericolo costante Noi donne non abbiamo tempo per pensare alla guida, non è che non ne siamo capaci, abbiamo solo cose più urgenti da sbrigare. Ci mettiamo il rossetto, ci guarda allo specchio, ci incipriamo il naso, parliamo al telefono, sistemiamo l’mp3 con il sound giusto, beviamo una dietCoke o semplicemente cinguettiamo ai semafori con i conducenti delle auto vicine o con i passanti sulle pedonali. Non importa se stiamo guidando il carrello della spesa, il passeggino, il TIR, l’auto o l’ApeCar, noi, sempre facciamo altro e questo ci rende un po’ maldestre e preda di tremende filastrocche. Ma dico io, se prendessimo in giro gli uomini mentre al volante di una fiammante Porsche Cayenne, s’infilano mezza mano nel naso o si estraggono il lercio  dalle orecchie cosa dovremmo pronunciare? “Uomo al volante caccola costante”?


Donne e motori, gioie e dolori. Adesso poi me la dovete spiegare questa perché proprio non la capisco. Se un uomo ama i motori, state tranquille che sarete sempre la seconda sul podio. Se la sua amata moto subisce un atto vandalico, tipo un taglio sulla sella di pelle umana o una marmitta che scoppia, sarà certamente colpa vostra. Avrete settimane di vita durissima e di astinenza sessuale tragica perché il vostro Lui sarà cosi triste da non accorgersi nemmeno della nuova vestaglietta francesina in pura seta. Rimarrete a secco di regali e cene per altrettanto tempo in quanto dovrà risparmiare i soldi per sistemare la sua vera amata due ruote. Insomma, allora non è più “donne e motori, gioie e dolori” ma “uomini e motori una vera rottura di coglioni” ( e scusate l’intercalare poco femminile ma ci stava così bene)

É piú facile trovar dolce l’assenzio, che in mezzo a poche donne un gran silenzio.
Uffa!!! che discriminazione è questa… non è poi cosi vero che siamo cosi chiacchierone e casinare!! Ci piace solo parlare con le amiche, stare in compagnia, fumare sigarettine davanti a uno Spritz, mangiare biscotti al burro, raccontarci le news della settimana passata, presente e magari futura, adoriamo stare insieme ma non per questo odiamo il silenzio. Al tempo di Eva, la poverina era costretta a parlare solo con Adamo e guardare il serpente tentatore, ora ci stiamo solo prendendo una piccola rivincita in onore della nostra antenata.


La donna, per piccola che sia, vince il diavolo in furberia.
Questa si commenta da sola e a me piace da morire. La nostra intelligenza e astuzia sono al di sopra di quella del Diavolo. Diavolesse con una marcia in più.

Mentre le belle si guardano, le brutte si sposano Proprio ieri pensavo a questa frase. Mi sono innervosita da morire e alla fine mi sono resa conto che è la sacrosanta verità. Le mie amiche di liceo, carine si, ma più simpatiche che altro, sono gia tutte sposate con prole. Hanno la mia stessa età e sembrano aver fatto i lavori forzati nei campi da sempre e aver mangiato tutto il raccolto che hanno coltivato Quindi, la smettiamo o no di farci belle al volante e iniziamo a metter su un po’ di coulotte de cheval o una trippetta/buzzetta che fa tanto sesso agli amici maschietti. Magari qualcuno ci sposa per la nostra intelligenza…

  • Le donne dicono sempre il vero; ma non lo dicono tutto intero.


  • Le donne sono sante in chiesa, angeli in strada, diavole in casa, civette alla finestra e gazze alla porta.

  • Matta è la donna che nell’uomo crede, che ne’ calzoni si porta la fede.


  • Non vinse mai donna per la sua fortezza, vinse sempre per nostra debolezza.


  • Non c'è bella senza difetti, non c'è brutta senza simpatia)

  • Quando la donna vuole non c'è catena capace a resisterle

  • Chi dice donna dice danno 

  • Col fuoco, con la donna e con il mare, c'è poco da scherzare

In assoluto la mia preferita. La donna è l’unica che gestisce gli equilibri del mondo.



10 commenti:

  1. Se ne dicono tante sulle donne,ma la verità e' che nessuno riesce a fare a meno di noi! E' vero, non siamo più come le nostre nonne ma riusciamo comunque a fare mille cose nello stesso momento! Spesso sono sola a casa e se volessi fare davvero tutto per tenerla in ordine,cucinare,lavare e poi studiare avrei bisogno di 48 ore anziché 24! E considera che ancora non iniziano le lezioni in facoltà quindi un po' di tempo libero ancora mi rimane. Ma ci sto lavorando su,mi piace sdoppiarmi,triplicarmi e quadruplicarmi perché la sera quando vado a letto mi sento contenta che la mia giornata sia stata piena e che davvero ho fatto qualcosa!

    RispondiElimina
  2. Complimenti !!!! sei sempre veramente brava a scrivere, ti leggo sempre d'un fiato....grandi sacrosante verità e luoghi comuni......tutti perfettamente ed ironicamente raccontati.
    buona settimana!

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo tutti questi detti, sai?
    Comunque a me piace tanto stare in cucina! Proprio tanto, è decisamente rilassante. Mi piacerebbe diventare una donna "come quelle di una volta", quelle capaci di stendere in un minuto la sfoglia per le tagliatelle, quelle non troppo prese dai soldi. A guidare invece, bhè si, magari a volte qualche danno...

    RispondiElimina
  4. uhhhh che bello questo post!!!! ci mancavano questi post pepatini e ironici su noi donne!!! evviva blue ;-)
    e soprattutto evviva noi donne!!! mi fanno morire tutti questi proverbi!
    ti lascio con questa super citazione di Virginia Woolf, da Una stanza tutta per sè.

    Avete idea di quanti libri si scrivono sulle donne in un anno? Avete idea di quanti sono scritti da uomini? Sapete di essere l'animale forse più discusso dell'universo?

    baci
    Diana

    www.dianaprincebeauty.com

    RispondiElimina
  5. Simo, perché non sei più tra i miei contatti fb? Ti ho fatto qualcosa??

    Antonia.

    RispondiElimina
  6. Questo post è bellissmo!!! Un abbraccio
    ps.anche mia madre sa fare a mala pena gli spaghetti al pomodoro:(

    RispondiElimina
  7. Ultima frase...sacrosanta verità...se non ci fossimo noi donne tutto l'equilibrio crollerebbe e in tutti i campi!!! Nonostante tutti i proverbi contro noi donne...siamo sempre le migliori e gli uomini lo sanno ma non c'è verso di ammetterlo...siamo noi la forza che fa muovere il mondo!!!
    Brava Blue!!!!

    RispondiElimina
  8. Grazie cara per i commenti sui miei ultimi post, sono molto felice che ti abbiamo fatto sorridere.. :) Questo tuo post mi piace molto, è in linea con i miei.. ;) Per quanto riguarda lo spazzolino blu.. Pian pianino magari lo svelerò ma in realtà ad ora neanche io saprei come definirlo ;) Stay tuned! A presto

    RispondiElimina