mercoledì 20 aprile 2011

Chiunque tu sia…

...ovunque tu vada, fallo col cuore, sarà la giusta direzione. Non avere paura di perdermi. Se stringi forte la mia voce tra le mani, se riporti alla mente i nostri ricordi, se riconosci le nostre immagini, vedrai le distanze si accorceranno...


Questa sera presa da un’irrefrenabile sensazione di stupore rileggo questa frase che trovai in una lettera scritta da un’amica in un momento in cui cercava di farmi capire alcune cose. In queste parole sta racchiusa una me e un noi che voglio raccontare, una società fatta di persone che chiedono di urlare al mondo che sanno amare ma che in questo particolare momento storico pare non gli sia concesso. Cosa succede ai 30enni di questa città..? o forse non solo a loro, perché pare che anche le altre categorie abbiamo lo stesso problema… il fatto è che non si sa più amare, non ci si vuole più impegnare e si molla al primo colpo pensando che tutto sia troppo difficile da portare avanti.

Siamo ormai lontani dall’era dei nostri genitori, figuriamoci dei nostri nonni in cui le relazioni erano lunghe e durature e dove una promessa era per la vita, la tanto sognata storia infinita uguale amore eterno ha ormai lasciato il nostro vocabolario. A questo punto capeggiano soltanto avventure rapide che non lasciano nemmeno un blando ricordo e tutto il mondo concorre per creare rapporti inesistenti vissuti rapidamente per non dare preoccupanti impegni.

Ma dove sono finiti il corteggiamento, l’invito a cena, la telefonata del giorno dopo e la sensazione d’attesa che avevamo da ragazzini..? Sono stati forse rimpiazzati dal messaggio sms e dalla scopata fatta nel bagno di una discoteca…? Le pagine della nostra vita, dove da bambini scrivevamo sull’amore sono state involontariamente bruciate da un incendio doloso? o noi forse siamo stati spazzati via dall’uragano di Dorothy..?  Allora è proprio vero che Alice non vive più nel paese delle meraviglie ma in quello degli orrori, dove il Bianconiglio non ti conduce più per mano per salvare i sogni della Regina di Cuori ma ti divora avidamente rendendoti pappa per condor… Le favole non hanno più un lieto fine e il vissero felici e contenti è ormai solo una frase obsoleta del quale ignoriamo il significato.

Ultimamente mi soffermo e ascolto molto la gente percependo un disagio diffuso, tra amici che lottano per sopravvivere a storie finite e amiche in preda a delusioni da elaborazione del lutto, tra pianti interminabile e chiaccherate fino all’alba, tra ricerche dei perché a soluzioni sul per come. Fino ad oggi pensavo che solo le donne fossero vittime di tragici allontanamenti e drammatici distacchi, che il gentil sesso fosse stato preso di mira perché troppo alla ribalta ormai da più di mezzo secolo…pensavo che il nostro essere super emancipate avesse generato una sorta di paura nel maschio Latin-Bolognese da imporgli un atteggiamento di questo tipo.
Non è cosi!!! non è un fatto di sesso ma di valori, tutti ne siamo coinvolti, qui si tratta di risolvere una questione molto importante che è quella dei rapporti tra persone che sembrano aver smarrito il senso di civiltà, inserito il cip dell’indifferenza e si siano dati alla rincorsa forsennata del nulla. Tutti invadono i campi di tutti, donne adulte con uomini giovani, ragazzine appena maggiorenni con maschi attempati, ogni cosa è possibile, non esistono freni, è come se fosse una battaglia o l’invasione dei Visitors. 
Non ci rendiamo conto che se non moderiamo o smettiamo di cambiare pelle qui mi sa che a lasciarcela (la pelle) saremo noi, ed è proprio cosi che sta accadendo stiamo giocando con gli alieni a discapito dei nostri rapporti e a discapito della nostra felicità.



Ma un post senza esempi forse è come la pasta senza sale allora ecco servita la mia ricetta del cacio sui maccheroni, ecco l’ultimo aperitivo che conferma ancora una volta che Blue andando in giro per la città si scontra con una dura realtà che è quella degli amici sposati abbandonati dalle mogli giovani con in grembo un figlio o delle rampanti amiche manager lasciate ad un passo dall’altare, quella stessa realtà che ha il sapore di un futuro sempre molto incerto e che mi  vede ancora una volta single non per scelta ma per condizione di forza.

AspassoconBlue storie di una single tra tante che crede ancora nell’amore nonostante il suo cuore sia stato violentemente spezzato.

5 commenti:

  1. Raccontiamo la stessa realtà,mia cara Blue...più ne parlo con tutti e più non faccio che chiedermi dove sono gli uomini di una volta? A 20 anni sono ancora dei lattanti, a 30 pensi che siano un pò più maturi,ma appena li conosci capisci che sono solo da una scopata e basta, a 40 e per non parlare a 50 regrediscono,ritornano bambini e non c'è tempo nè voglia di impegnarsi e pensano solo a "giocare".
    Scusami se ne parlo in questi termini,ma una società in cui uomini e donne sognano l'amore ma non si danno da fare per metterlo in pratica, mi fa schifo!

    RispondiElimina
  2. Le favole non esistono. Cenerentola se ne frega della scarpetta persa, e si consola con un vestito Gucci. Il principe di Biancaneve sposa la strega. E vissero felici e malefici.

    Sii il principe di te stessa. Salvati da sola.

    L'amore vero esiste. Quello eterno forse no.


    Un sorriso. Antonia.

    RispondiElimina
  3. leva il cacio dai maccheroni e prova a metterci una ciliegina sulla torta!magari il dolce al posto del salato funziona meglio!
    La vita ti sorride Blue.E tu lo sai.Devi solo prenderne coscienza.
    www.oneredcherry.com

    RispondiElimina
  4. sai mi guardo allo specchio e capisco che molte volte sono incontentabile una famiglia che sta bene , un buon lavoro ( non lo amo ma meglio che niente) un marito che mi adora eppure a volte mi sento insoddisfatta ... sarà che siamo veramente inacontentabili ??
    scivi molto bene mi piacciono i tuoi post , ti seguo volentieri

    RispondiElimina
  5. Tesoro...Il fatto è che, fino a qualche anno fa, la gente sapeva perfettamente cosa volesse dire affrontare i grandi problemi della vita...E non si faceva certo scoraggiare da un piccolo litigio con il proprio partner. Una volta c'era molta più pazienza, ascolto e disponibilità...La società di adesso esige ma non ricambia. Nessuno ha più tempo per dedicarsi all'AMORE ♥

    Cara...ho aperto un GIVEAWAY sul mio blog, se hai voglia di partecipare, ti aspetto! ♥
    un bacio grande
    LiDì

    http://fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina