lunedì 21 marzo 2011

Spine nel cuore o cuore con le spine..?







Incredibile come il dolore dell'anima non venga capito. Se ti becchi una pallottola o una scheggia si mettono subito a strillare presto-barellieri-il-plasma, se ti rompi una gamba te la ingessano, se hai la gola infiammata ti danno le medicine. Se hai il cuore pezzi e sei così disperato che non ti riesce aprir bocca, invece, non se ne accorgono neanche. Eppure il dolore dell'anima è una malattia molto più grave della gamba rotta e della gola infiammata, le sue ferite sono assai più profonde e pericolose di quelle procurate da una pallottola o da una scheggia. Sono ferite che non guariscono, quelle, ferite che ad ogni pretesto ricominciano a sanguinare. (O.Fallaci)








Così la primavera si è portata via l’inverno insieme alla mia ultima speranza di riconciliazione. Un inverno gelido e assetato di sangue che ha procurato ferite al cuore che non sono ancora state rimarginate, dolori di un petto ricolmo d’amore che è stato preso in ostaggio e poi  ucciso da una vent’enne. E cosi mi ritrovo qui,  con un dolore che non ho potuto evitare e che non so affrontare. Dalla mia scrivania, sulla sedia Blu, in questa casa che mi ricorda in ogni angolo un pezzo della mia storia, qui davanti al mio Mac, batto frettolosamente sui tasti mentre le lacrime pungono il foglio virtuale, come spine nel cuore, quelle vere, quelle che non sai togliere e che attanagliano la tua esistenza, quella maledetta spina che non riesco a levare, come una scheggia conficcata sotto ad un dito rifletto sulla consapevolezza che tu sei dentro di me sempre e comunque. Avrei voluto tanto che fosse andato tutto diversamente, che fossi rimasto qui a ballare nella mia sala a piedi nudi mentre rimbombava “Minha do Condominio” avrei desiderato che tu mi guardassi ancora per un attimo dicendomi quanto è sbagliato ciò che stai facendo. Stanotte rifletto sulla sofferenza, quella che ti fa morire dentro che nessuno prende in considerazione perchè non si vede, il supplizio del cuore che è di gran lunga superiore di una botta in testa che almeno puoi curare in ospedale, penso al mio martirio che è quello di tante persone sole che hanno avuto una storia importante e che per qualche strana congiunzione astrale non hanno più, mi chiedo se davvero il tempo potrà far smettere di sanguinare la mia anima ferita. Ho scritto tanto sul cuore ma prima non immaginavo che avesse la potenza di cambiarti.

La primavera ha portato con se un’aria gelida da un inverno rigido che mi ha visto catapultata in una nuova vita, spero che stanotte le ultime lacrime facciano si che il mio Marzo riesca a far rifiorire i fiori di pesco.





7 commenti:

  1. abbandonati alla primavera, rifiorirai ancora. Bacio***

    RispondiElimina
  2. ieri era il primo giorno di primavera, spero con tutto il cuore che sia per te un nuovo inizio, pieno di fiori e profumi, come la primavera..sei speciale Blue...

    RispondiElimina
  3. Non so che dire, è difficile parlare dall'esterno; esprimo cmq il mio punto di vista in base all'esperienza:
    se il cuore è pieno bisogna usarlo, altrimenti sarebbe sprecato. Di solito se nn si riesce a cambiare l'oggetto a cui è indirizzato l'amore, bisogna insistere sullo stesso. Prova dunque a perdonarlo in un estremo atto di comunione per la sua felicità: mi sembra l'esperienza più originale e vicina alla crescita che tu possa fare (alla lunga l'unico modo per sanare le ferite dell'anima è quello di farla lavorare per un'idea di bene)
    "anonimo jesino serfista"

    RispondiElimina
  4. Ciao Blue era da un po' che non passavo da te e devo ammettere che ti ritrovo ancora più donna. Innanzitutto ci tengo a dirti che hai scritto un post bellissimo in cui mi ci sono specchiata,uno di quei post che capita anche a me spesso di scrivere quando vedo davanti a me solo nero. Il consiglio che posso darti e' semplicemente quello di riflettere,perche' se una storia e' davvero chiusa ti lascia l'amaro in bocca,la delusione perche' le cose non sono andate come speravamo; ma se invece hai ancora il cuore pieno d'amore che non riesci a regalare a nessun altro uomo, allora forse e' perche' vedi ancora una luce che quella storia possa ritornare. E' vero gli altri non si accorgono dei dolori dell'anima e del cuore, si preoccupano quando siamo malati di malattie serie e se capita a volte che capiscano che qualcosa non va non sanno trovare una cura x questo male. Bene,la risposta e' perche' gli altri non sono te: potranno solo consigliarti,sostenerti nelle scelte o peggio ancora far finta di nulla,ma spetta solo a te capire e comprendere il tuo male,essere cosciente di essere arrivati a un punto di non ritorno per poi trovare la giusta strada per risalire. Fatti forza da sola e non aspettarti nulla dagli altri. Nessuno puo' conoscerti meglio di te stessa. Ah dimenticavo: adoro Oriana Fallaci,grande esempio di donna e scrittrice. Un abbraccio Blue, a presto.

    RispondiElimina
  5. @SaraLove_la primavera mi aiuterà a concentrarmi di piu sul lavoro e sul sole che oggi splende caldo entrando dalla finestra di casa mia.

    @Camilla_ vedrai che Blue ha il colore dentro della forza e ce la farà-è solo una caduta libera con un atterraggio difficile senza paracadute_ ma a volte è necessario cadere per riuscire a capire il vero significato della forza di rialzarsi
    grazie per seguirmi sempre

    @jesino serfista_ devo confessarti che cio che hai scritto mi ha colpito moltissimo e credo fermamente che il perdono se cosi vogliamo chiamarlo, e il bene rimargineranno le ferite aperte ormai da troppo tempo. Grazie per seguire il mio blog.

    @Carrie_ ti leggo sempre e amo cio che scrivi , sei una ventenne fantastica e molto intelligente, dotata di grande sensibilità e voglia di esistere_ grazie per questo tuo post, il dolore che gli altri non capiscono e che io nascondo continuamente a tutti ha fatto si che ieri ci fosse un'esplosione da bomba atomica. Era necessario, ora tutti compreso l'uomo che mi ha spezzato il cuore sa cosa ancora provo per lui_
    Viva te e la tua dolcezza. Grazie di cuore

    Blue VI AMA e continuerà ad andare a spasso per questa città che presto avrà i suoi alberi pieni di fiori di pesco...

    a presto

    RispondiElimina
  6. "cosi come l'amore vi incorona, cosi vi crocifiggera'.
    L'amore mai conosce la propria profondita', se non nell'ora della disperazione".
    solo per riflettere Blue.....
    E per ricordarti che piu' passano i giorni, piu' grande è il sollievo

    RispondiElimina
  7. "Si può cambiare a qualunque età.Allargare i perimetri del cuore.Ascoltare il richiamo dei sogni.Mettere il naso dentro una parete di gelsomini.
    Telefonare ad un amico.Accettare un invito.Brindare al volo di una farfalla.Mordere una tavoletta di cioccolato.
    Incorniciare una vecchia foto in bianco e nero,e parlare in silenzio con la donna di ieri.Con quella di domani.
    C'è sempre una finestra dopo un tradimento.Basta spostare le tendine del dolore,e affacciare gli occhi al mare.
    C'è sempre tempo per cambiare.Basta stracciare il libro di tutti i giorni,dimenticare i formalismi di una Vita borghese,e voltare pagina,dando ascolto ai tremolii di dentro.
    Non serve una gonna a fiori,o lo sballo di una notte di peccati,la curva di un jeans o l'ombra azzurra di uno spinello.
    Serve il cuore.E la voglia di raccontare un nuovo viaggio.Noleggiare una piccola barca e cominciare di nuovo a remare.
    Colpi d'anima e schiuma.Fari lontani.Approdi d'esilio o d'asilo.Porti di scogli.Rive prima sconosciute.Risacche di malinconia.Pensieri.Dolori.Sentimenti.Amori.


    Ho fatto passeggiare l'anima scalza,tra un Passato di cose ormai insopportabili e un Presente più zingaro,che ha voglia di fare del Tempo una canzone lenta da ballare,come uno slow in compagnia di qualcuno.
    Perchè la solitudine è una condanna.E fa paura.Ma,se si vuole,c'è sempre una luce sul cammino delle stelle".

    Da: "Il cammino delle stelle"

    Un sorriso. Antonia.

    RispondiElimina