giovedì 24 febbraio 2011

Ryanair poco low molto cost







Inizia così il mio weekend nella settimana di Arco fiera dell’arte contemporanea che vede ogni anno migliaia di visitatori riuniti nella spendila capitale spagnola a godere delle delizie di questa città, tra marcha, fiestas, museos y compras. Gia me lo immagino, giornate saltellando tra tapas e pinchos baschi nei mitici Lizzaran e Txacolina rispettivamente in zona Callao e Latina, tanta arte visitando la Fresh gallery e My name is Lolita che quest’anno sono ospiti al JustMad 2 nella zona Velasquez e per ultimo lo shopping più sfrenato nella GranVia tra Blanco, H&M, Berska e Stradivarius. Arrivo in aeroporto a Bologna con una miss da volo, jeans stretti, canottiera bianca, giacca grigia con toppe ai gomiti in alcantara marrone e stivaletto color terra di Siena, a chiudere il cerchio, mille collane con i cuoricini comprate da “tutto a 1Euro” e bracciali come se piovessero che sotto al metal detector suoneranno come se il mio corpo fosse quello della donna bionica. Scendo dall’auto e le mie amiche sono già lì ad aspettarmi davanti al check-in di Ryanair.  

Intappi fuorilegge per la Capre che sfodera una AllStar borchiata all’ultimo grido, un leggins nero che definisce le sue zampette mignon e un cappottino classico blu acquistato in un negozio vintage parigino, il tutto contornato da una MiuMiu color cammello con ricche frange lunghe che strisciano sul pavimento. OneRed (alias Enry) gioca con i motivetti a teschio sfoggiando una keffia blu con disegni in swarovski sopra ad un golfino rosa a strisce rosse, orecchini e anelli rigorosamente con motivi teschiferi fanno da cornice ad un abbigliamento modaiolo e allo stesso tempo adatto ad un volo di quasi due ore. Non sono certo più sobrie le altre del gruppo, Maria Lety veste un abitino Desigual con scollo talmente profondo da imbarazzare i passanti e bloccarli in fila indiana, Rey è fresca come una rosa appena arrivata da Ibiza e per l’occasione calza tacchi vertiginosi di Laboutin con inserti in oro, sacca di Fendi logo e un’occhiale modello Colazione da Tiìffany, sempre uscita dall’ultima serie di Sex and the city. La Cami rimane nella sua semplicità sempre la più classica ed elegante non esagerando mai con abbinamenti strani o troppo vistosi,  è un po’ la Charlotte del gruppo, capello castano sempre perfettamente in ordine e pendenti a perla. La Vigno (per oggi) preferisce la comodità al tacco 12, quindi opta per una maglietta bianca Happiness e pantaloni stretti in scarpa da tennis. Ma una vacanza non sarebbe tale se non ci fosse la peggiore, la Cry che per il nostro strambo week madrileno si presenta con una Converse nera, jeans inguinali e una splendida shopping sac del caro amico Luigi Vuitton. 


Dopo un’attenta analisi di come ognuna di noi ha interpretato la partenza mi soffermo ad osservare il numero improbabile di valigie che hanno al seguito. Non posso credere ai miei occhi, abbiamo più bagagli noi che un esercito in partenza per la guerra, totale 8 maletas enormi e 8 mini trolli, ma con la promessa di avere anche delle piccole borse da riempire nel caso in cui ci fosse la necessità di comprare qualche pensierino per le amiche rimaste a casa, o per i famigliari. Avendo scelto di volare con Ryanair temo avremo seri problemi al rientro visto che hanno la fama di non essere flessibili con quelle come noi che esagerano con gli acquisti.



Io odio profondamente questa compagnia aerea, la trovo terribile, tutto ciò che non offrono è scadente come i loro servizi e il loro personale. Per il biglietto che paghi, spesso non cosi economico, (127,00€) devi sborsare soldi a parte per la valigia da imbarcare 30,00€ (andate/ritorno)per 15 Kg, per il giornale, il panino, l’acqua che vendono spacciandola per liquido dell’eterna giovinezza, visto che costa 3,00€ a bottiglietta e di questi tempi evidentemente deve proprio far miracoli. Manca pure che ti facciano elargire denaro per la carta igienica, che non è nemmeno presente ma  sostituita da salviettine di carta vetrata che sicuramente prendono all’Ld a prezzo scontato.
Vieni trattato come una pecora, in fila nell’attesa che ti uccidano con una rivoltellata, stai li ad aspettare il tuo destino mentre i motori si scaldano, mentre le persone fanno la corsa per riservare il posto non assegnato e mentre ti sta venendo una ingente nostalgia per Iberia.


Seduta, mi guardo intorno e un branco di persone felici sorridono beate e chiaccherano tra di loro, c’è chi sprizza la gioia della vacanza chi legge giornali d’arte ed è chiaro che lo scopo del viaggio sarà visitare gallerie e musei e famiglie felici multietniche che si riempiono la pancia di cibo precotto sedute sul sedile giallo/blu pagando un panino anche 7,00€ pur di far ingozzare la figlioletta per zittirla. Di fianco a me una coppia deliziosa di amici, due ragazzi sulla trentina, probabilmente con origini pugliese, sfogliano la LonelyPlanet e si consultano sul da farsi per la serata. Io faccio fotografie a tutto ciò che vedo, un pò per distrarmi dal continuo rumore dell’altoparlante che risuona in spagnolo jingles promozionali di schede telefoniche o profumi in sconto e un pò per documentare ciò che mi accade intorno.

Arriviamo a Madrid, il volo pessimo, la fame alle stelle, la stanchezza sembra sparita e la movida che mi aspetta. Sono una donna fortunata, otto amiche, otto modi di vivere e di stare insieme, otto caratteri e otto look diversi che per quattro giorni condivideranno due appartamentini al Petite Palace, in una delle città più belle e divertenti d’Europa.

Otto splendide donne che hanno deciso di prendersi il tempo per ritornare ragazzine, ridere, scherzare e confrontarsi il tutto ricordandosi quanto è meravigliosa l’amicizia.





7 commenti:

  1. Fantasticamente Simo...... Non sbagli un colpo......la tua Ramo

    RispondiElimina
  2. ke splendide donne e ke meravigliosa città!

    RispondiElimina
  3. RAMO_ grazie spero che anche questa avventura ti sia piaciuta...sei fantastica tu...baciotti

    SARALOVE_ hai proprio ragione..splendida città e donne fantastiche..w l'amicizia...

    RispondiElimina
  4. l'ultima foto direi una sexy J.Lo e una lolita Emma Bunton...

    ovviamente il confronto non regge loro solo misere starlette in confronto!

    bacio****

    RispondiElimina
  5. x Sara Love: le altre foto le vedi anche sul mio blog!
    OneRedCherry.Grazie per i confronti.Ti adoro*

    X il mi Amor Simo: descrizione perfetta!come sempre rendi al max l'idea!ho una cosa da aggiungere alla lista nera Ryan Air: i PILOTI.Non sanno reggere l'aereo alle turbolenze.Cose che dal panico nn salto in braccio alla coppia seduta a fianco a me!

    RispondiElimina
  6. ONEREDCHERRY_ Giusto il piloti..pure quelli ... dio mio li addestrano con gli aeroplanini e li pagano con i soldi del monopoli...

    baciotti

    RispondiElimina