mercoledì 2 febbraio 2011

Ho visto una casetta piccolina in Canada...

Giornate che passano veloci e altre che sembrano non terminare mai. Oggi è una di quelle dove i ricordi ti uccidono, le memorie sembrano trafiggerti la testa e ti senti come un campo arato ma mai più seminato. Seduta sulla sedia di una parrucchiera di oltre oceano, mentre i miei capelli si asciugano un pò con l’aria e un pò con il  phon e la spazzola rotonda, ripenso ai tempi passati, allo stesso giorno un anno fa, la mia mente mi riporta a quel mazzo di rose rosse ricevute con un sorriso d’amore, con un sushi nel piatto e con una notte d’amore caldo e passionale che ora non ho più.
Mi riportano indietro a quando parcheggiando la mia Smartina in una piccola via della città, mentre ero al telefono con la mia amica Enrica, arrivasti con il tuo modo gentile e riservato a dirmi “buon anniversario amore”. Tre rose Baccarà grandi come i tuoi pugni, profumate come il sole di maggio, fiori innamorati come lo ero io di te. Una sensazione di irrisolto, di incompiuto e di grande vuoto che pensavo fosse stato colmato ma che ogni tanto ritorna  a ricordarmi che non te ne sei ancora andato dalla mia vita. Quella mia vita, la stessa di sempre, frenetica, compulsiva, esagitata, che ora sembra non appartenermi più perché ciò che ero se l’è portato via il vento insieme al tuo sentimento. 

Cosa facciamo quando gli amore finiscono..? 
Stiamo lì ad aspettare su una sedia il tempo che passa, attendiamo un segno che probabilmente non arriverà o usciamo con le amiche alla ricerca di nuove storie, nuove emozioni che terminano nello stesso momento in cui ti accorgi che all’uomo che hai di fronte puzza il fiato o si lava una volta al mese…? Uomini finti, damerini con la giacca, affollano i locali fashion della città, infestano i mezzi pubblici con i loro odori di sigari misto a ragù della mamma, passeggiano con auto fiammanti prese a noleggio per il week-end. Se ti capita di aver voglia di farti offrire un cocktail da uno di questi individui rischi di morire di sete perché mai nessuno si farà avanti a pagartelo, troppo impegnati nella corsa all’apparenza e gli unici spicci che hanno in tasca li devono impiegare per la benzina del bolide affittato per sembrare ricchi. Come fai ad avere fiducia nel genere maschile se in giro c’è solo sta roba..? Come puoi dimenticare il passato se il presente è scarno o scarso…? Mi chiedo che cosa farei se sapessi che l’uomo con cui esco facesse un lavoro umile presentandosi come un Big della finanza, mi sentirei forse tradita e offesa, presa in giro e proverei compassione e ribrezzo per chi non accetta il proprio stato sociale.?In fondo essere una persona normale non è un difetto e nemmeno una vergogna, io ho un lavoro semplice e guadagno anche poco ma non per questo sfodero Aston Martin o sciabolo Dom Pérignon 96’, non vado in giro per forza con una Kelly e non mi atteggio da Centurion Girl anche se non la sono. Si certo non nego che anch’io nell’armadio 6m x 4  ho due bellissime Muse di YSL che indosso per le occasioni importanti ma questo dista molto dal mio conto in banca sempre in rosso e giuro che dirlo non mi rende meno gioiosa. Credo ancora nei due cuori e una capanna che se è d’orata meglio ma se non lo è pazienza tanto nella vita l’importante è la felicità…NON CREDETE..?

7 commenti:

  1. mia cara Blue, la tua amica Cherry è con te in questi momenti di sconfinata desolazione.

    RispondiElimina
  2. Dioche emozione hoi brividi.......

    RispondiElimina
  3. cara Blue forse è il caso di cambiare i luoghi di frequentazione e vedrai che esistono uomini più assennati!Comunque continua così mi piace ciò che scrivi!

    RispondiElimina
  4. That Don't Impress Me Much!
    Verissimo! http://www.youtube.com/watch?v=mqFLXayD6e8
    Però in effetti, cambiare un po' ambiente potrebbe servire ;-) anche se, probabilmente, si troverebbero uomini con altre tipologie di difetti ma, del resto, neanche noi siamo perfette.

    RispondiElimina
  5. cara Federica,

    dovrei cambiare si ma in realta amo molto questa città con i suoi abitanti variopinti..baciotti

    RispondiElimina
  6. Blue, Federica ed io ti stiamo consigliando di cambiare ambiente di ritrovo non città!mai esagerare, i cambiamenti vanno fatti a piccoli passi!con affetto...

    RispondiElimina
  7. in giro c'è veramente uomini di basso livello! ma si possono chiamare Uomini??

    ma il principe azzurro esiste, magari è meno azzurro e un pò più giullare di corte !

    RispondiElimina