lunedì 8 novembre 2010

Camera con vista

Sta passando un altro giorno, lento, tormentato, a singhiozzo. Mi affaccio alla finestra, scorgo un uomo che pulisce la sua moto con un panno chiaro…ormai sono le 3 e mezza, non prendo sonno, mi guardo intorno e cerco dettagli di una città fantasma, luci spente, silenzio, solitudine, netturbini che puliscono le strade, prostitute che cercano clienti, desideri che si consumano dietro alle mura di case popolari. Cosa succede nella notte quando le persone vanno a dormire, quando i pensieri devono riposare, quando il corpo dovrebbe aver respiro e pace per un giorno intenso…? Le emozioni diventano più intense, i ricordi prendono corpo e paiono non volersi staccare da te, se ne stanno li in un angolo nascosto del tuo cervello in attesa del richiamo, dell’ennesimo pianto e dello sperato ultimo gradino di dolore che ti sembra non finisca mai. Ti accendi la 19esima sigaretta della giornata e con la tosse secca ti sforzi di trovare ragioni che si sono perse nel cammino di una storia d’amore e di una vita vissuta troppo intensamente. Di notte ti volti verso il tuo letto vuoto ormai da mesi e guardi il tuo cagnolino che gioca con un orsacchiotto, di notte ti rendi conto che avere delle amiche fantastiche è il grande tesoro che ti ha regalato la tua esistenza.

Le amiche… quelle vere quelle che chiami anche di notte senza la paura di disturbare, quelle che ti costringono ad uscire anche quando vorresti sotterrarti in una cantina buia, quelle che ti amano e non ti lasceranno mai…ma proprio mai. Io sono una persona fortunata, ne ho per tutti i gusti e per tutti i consigli, ne ho per il giorno e per la notte, di bionde e more, ricce e dritte, scalate e sfilate, coi tacchi e da ballerina… ne ho di psicologhe e manager, galleriste e imbianchine, di responsabili in tailler e di commercialiste, di specializzande in letteratura italiana e di dentiste.
Io le ho e non mi lasceranno mai. Non esiste ordine o scala d’amore, le amo tutte con la stessa intensità anche se in modo diverso, con alcune mi confido di più e di alcune cose con altre parlo solo di uomini o vestiti ma se pur diverse nel loro essere uniche io sono convinta che a loro devo la mia uscita dal tunnel. Loro mi hanno salvato e mi hanno convinto a ritornare.

1 commento:

  1. a buoni consigli e ottime amiche, non si trova prezzo.
    TVB

    RispondiElimina